SIGLATO PROTOCOLLO D’INTESA TRA IL MIUR E IL CENTRO STUDI PAOLO BORSELLINO

Il Centro studi Paolo Borsellino insieme al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per promuovere e mettere in atto prassi di memoria operante. L’accordo è frutto di un protocollo d’intesa siglato a Roma fra il MIUR, Direzione generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione e il neonato Centro studi, ricerche e documentazione Paolo Borsellino di Palermo che avvia di fatto una collaborazione sul fronte della formazione in tema di legalità e cittadinanza.
Una tappa fondamentale per il Centro studi inaugurato a Palermo lo scorso gennaio che mette il sigillo su una collaborazione finalizzata a sostenere tutti i progetti che – all’interno della scuola e in collaborazione con essa -promuovono la formazione del cittadino e la conoscenza dei principi e dei valori della costituzione, a realizzare percorsi di formazione per le scuole di ogni ordine che abbiano quali obiettivi la diffusione della cultura delle regole, della cura delle Istituzioni democratiche e della promozione dei valori della democrazia. L’accordo prevede la progettazione e il monitoraggio di percorsi formativi, l’organizzazione di eventi culturali, che concordati con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, o in autonomia dalle singole sedi scolastiche sulla base di progetti educativi elaborati autonomamente dalle singole Istituzioni scolastiche.
“Avvalendosi della preziosa collaborazione del MIUR, in direzione di obiettivi ampiamente condivisi e così sottoscritti, il centro studi potrà offrire alle istituzioni scolastiche un servizio che contribuisca ad esaltare il ruolo insostituibile assolto dall’istruzione e dalla formazione culturale, per la continua messa a punto di una società autenticamente democratica”, ha detto la presidente del centro Maria Tomarchio.
Il Centro studi Paolo Borsellino costituitosi il 6 ottobre 2011 si ispira agli insegnamenti del giudice Borsellino ovvero “coltivare nelle nuove generazioni i valori della legalità, della memoria operante, del dialogo tra culture diverse”, che individuava nei luoghi educativi e d’istruzione un fattore strategico di crescita civica e culturale della società.

Allegati:

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...